Consigli pratici

Seguite la regola del ferro quando annaffiate i pomodori, altrimenti rovinerete il raccolto

28views

Giugno è caratterizzato da temperature elevate. I nostri pomodori hanno bisogno di essere annaffiati regolarmente, ma sappiamo davvero come innaffiare correttamente le piante?

C’è una regola ferrea da seguire rigorosamente quando si coltivano i pomodori. Se si commette questo errore, si può dire addio a un raccolto abbondante e a ortaggi di bell’aspetto. Come innaffiare correttamente i pomodori?

Ecco come indebolire i pomodori

Un errore vergognoso nella coltivazione dei pomodori, che purtroppo commettiamo molto spesso, è quello di innaffiare i cespugli dopo la fioritura delle foglie. Durante la stagione calda, questa pratica è una condanna per la pianta: le foglie bagnate attirano i raggi del sole e bruciano facilmente la pianta, che paradossalmente può iniziare ad appassire.

Le foglie bagnate sono anche un segnale per la pianta di iniziare il processo di essiccazione, che richiede molta energia. Invece di concentrarsi sullo sviluppo e sulla crescita dei frutti, gli arbusti si concentrano sull’evaporazione dell’acqua raccolta sulle foglie. Il risultato? Meno pomodori e di qualità inferiore.

Se dopo una giornata secca e calda si versa acqua non solo sulle foglie ma anche sui frutti, questi inizieranno a spaccarsi a causa del brusco cambiamento di temperatura. L’eccesso d’acqua provoca stress e, di conseguenza, la buccia del pomodoro si spacca e le crepe che ne derivano sono un rifugio per i microrganismi patogeni. L’infezione attacca le piante innaffiate in modo improprio, anche se non si annaffia il frutto. Perché?

È così che si attirano malattie e parassiti

Bagnare i cespugli con acqua dopo le foglie è un modo semplice per contrarre malattie del pomodoro come l’oidio, la ticchiolatura e la macchia bruna. Il calore e l’umidità favoriscono la crescita di funghi, batteri e muffe, ma non solo.

L’acqua che risiede sulle foglie è anche una calamita per i parassiti. Le lumache e le chiocciole sono particolarmente ghiotte di queste condizioni, in quanto depongono facilmente le uova sulle parti umide delle piante e provocano un’invasione di larve voraci. L’umidità sulle foglie è anche un invito per gli afidi, che possono nutrirsi lì.

Attenzione all’irrigazione dei pomodori

Innaffiare i pomodori dopo le foglie li rende “pigri”. La pianta potrebbe quindi non assorbire l’acqua dal terreno, con conseguente scarso sviluppo delle radici. Questo errore può distruggere tutti i pomodori.

Innaffiate sempre il terreno in cui cresce il cespuglio. In questo modo la pianta “imparerà” ad assorbire efficacemente dal terreno non solo l’acqua, ma anche altri nutrienti, mentre si sviluppano le radici.

Queste cure renderanno gli arbusti più forti e resistenti ai fattori avversi. Si tratta di una sorta di indurimento delle piante.

Innaffiate i pomodori solo in questo modo

Cos’altro devo tenere presente quando innaffio i pomodori? È meglio non farlo durante il giorno, quando il sole è allo zenit. Innaffiando al mattino e alla sera, non si espone la pianta a sbalzi di temperatura. Questi possono essere compensati annaffiando le piante con acqua disidratata a temperatura ambiente.

Per quanto riguarda la tecnica di irrigazione, va bene l’irrigazione a goccia o l’uso di un annaffiatoio con un grande setaccio. Controllate sempre le condizioni del terreno prima di annaffiare: innaffiate le piante solo se vi accorgete che il terreno si sta seccando.

Leave a Response

Luca

Luca

Luca
Salve, mi chiamo Luca e sono l'autore di questo sito con utili consigli di cucina. Sono sempre stato affascinato dalla cucina e dagli esperimenti culinari. Grazie a molti anni di pratica e all'apprendimento di diverse tecniche culinarie, ho acquisito molta esperienza nel cucinare diversi piatti.