Consigli pratici

L’orribile esperienza dei primi turisti dalla Croazia. Hanno davvero questi prezzi?

30views

Potreste anche chiedervi cosa si prospetta davvero in Croazia quest’anno. Se gli imprenditori locali abbiano imparato dalla battuta d’arresto della scorsa stagione, che dopo molti anni di successo non è stata da record. Infatti, la gente ha iniziato a cancellare i tour all’ultimo minuto dopo aver scoperto quanto è costoso l’Adriatico. Molti di loro si sono ripromessi di non ripetere lo stesso errore.

Diamo quindi un’occhiata alle esperienze di un gruppo di turisti che si recano al mare ogni anno al di fuori dell’alta stagione. “Siamo stati in Italia, Grecia, Spagna e Turchia. E quest’anno ci siamo detti che avremmo potuto finalmente visitare la Croazia”, racconta Miloš di Ostrava. “La scelta è caduta sull’isola di Krk, perché ne abbiamo sentito parlare molto bene. E quando siamo arrivati lì, eravamo davvero entusiasti perché l’accesso attraverso il ponte monumentale è già bellissimo, così come la natura locale”.

L’arrivo all’alloggio e l’incontro con il proprietario della villa sono andati bene, ma poi le cose hanno iniziato a peggiorare. “Siamo andati al negozio per comprare i generi alimentari di base. Ma i prezzi sono scandalosi. La birra è molto più cara che qui, e vogliono 5 euro per un normale deodorante”, racconta Milos. Anche il gruppo della Repubblica Ceca ha trovato costosa l’acqua potabile.

Ma questo era solo l’inizio. “Le spiagge pubbliche con servizi sono qualcosa di terribile qui.
Siamo arrivati alla famosa spiaggia di Vela a Baška e vogliono 30 euro per un lettino fatiscente con un ombrellone”, dice un turista scontento. Se vi aspettavate un qualche tipo di servizio per quel prezzo, come ad esempio un addetto che vi portasse una bevanda rinfrescante, potete scordarvelo. Dovete attraversare la spiaggia fino a un chiosco, fare una lunga coda e comprare qualcosa di troppo caro.

“Ma indossate le scarpe in spiaggia perché non c’è sabbia, ma rocce molto appuntite”, dice il signor Milos. Un’altra sorpresa lo attendeva quando ha provato a pagare con la carta, che è la norma nella Repubblica Ceca. Qui, invece, nessuno ne vuole sapere e i prezzi di cibo e bevande in spiaggia non sono proprio popolari. “Qui si possono pagare sette euro per una birra e circa venti per un po’ di cibo, ma si tratta di fast food molto ordinari e non molto buoni”.

È tutto negativo

Le esperienze strazianti in spiaggia, tuttavia, continuano. I venditori che si aggirano intorno alle sdraio vendono oggetti del tutto inutili, ma riescono sempre a catturare l’attenzione dei bambini, che poi chiedono a gran voce gingilli troppo costosi.

La grande anabasi è poi la doccia ordinaria quando si va al mare. “Portate molti spiccioli, cioè cinquanta centesimi, o semplicemente non farete la doccia. Per cinquanta centesimi si ottiene una doccia di trenta secondi in un getto debole. Se tutta la famiglia vuole fare una doccia del genere, la spesa è di almeno due euro. E questo dopo ogni bagno. Non l’ho visto da nessun’altra parte”, dice Miloš.

Un gruppo di turisti della Repubblica Ceca ha convenuto di non aver bisogno di una cosa del genere. Anche se la Croazia è piaciuta per il suo carattere, tutto è rovinato dalla scarsa qualità e dai servizi troppo cari. “Non è proprio per la classe media”, dice Milos.

Leave a Response

Luca

Luca

Luca
Salve, mi chiamo Luca e sono l'autore di questo sito con utili consigli di cucina. Sono sempre stato affascinato dalla cucina e dagli esperimenti culinari. Grazie a molti anni di pratica e all'apprendimento di diverse tecniche culinarie, ho acquisito molta esperienza nel cucinare diversi piatti.